venerdì 13 giugno 2008

Once,
il film piripicchio

Ci sono dei film che ti fanno sorridere e basta, altri che ti regalano anche un po' di languore: Once è tra questi. Un film piripicchio, appunto.
Forse mi ha colpito perché il finale è identico a quello che avevo previsto per il mio romanzo. Poi all'ultimo momento mi ero ricreduto... destino, insomma, che un'idea così semplice - forse ovvia - venisse usata da qualcun altro, in manierà così simpatica e languorosa però.
Certo, ai nostri ridicoli critici cinematografici non è piaciuto. Ma, si sa, i critici italiani in genere o ce l'hanno piccolo o non fanno sesso.
L'altro giorno stavo a Siena e ho chiesto a un tizio la colonna sonora del film, pronunciandolo - appunto - Uans. Mi ha guardato stortissimo e poi ha esclamato Aaaaah, Onceee! No, non ce l'ho.
Insomma, in genere il venerdì vi scasso le balle con rabbie accumulate; ne ho troppe, quasi insostenibili, che alla fine preferisco lasciarmi/vi andare da queste due canzoncine piripicchie... come il film.


Nessun commento: