mercoledì 28 ottobre 2009

un mondo perduto

Le vacanze sono carezze.
Carezze che al massimo solleticano l'immaginazione.
Immaginazione che si scatena dopo, quando siamo tornati a casa, perché sappiamo che in fondo di quei posti e di quelle genti ci siamo portati dietro solo una nostalgia del non vissuto.
Le vacanze sono un visione lontana di quello che potrebbero essere altri luoghi e altri popoli: non riusciremo mai ad assaporarli, a meno che non restiamo lì un'altra vita per scorgerne giusto qualche effimero dettaglio.
Le vacanze...
Poi ci stanno gli esploratori: uomini toccati dalla luce dell'Assoluto, che sanno vivere condensamente quello che noi neanche riusciamo ad ipotizzare. Esploratori del cosmo interiore e di quello fatto di piccole cose. Esploratori che con due parole e uno sguardo attento sanno raccontarti viaggi e sensazioni unici e incredibili, eppure veri.
E poi ci sta Walter Bonatti, che ha scritto questo bellissimo libro...

Nessun commento: