mercoledì 20 gennaio 2010

diritti dei gay, diritti di tutti

Il matrimonio, spiega Olson che si è sposato quattro volte, è il pilastro della società. Quando funziona è un legame tra due individui che si impegnano a creare una famiglia e una partnership sociale ed economica. La società incoraggia le coppie a sposarsi perché l’impegno reciproco beneficia non solo la coppia, ma anche le loro famiglie e le comunità. “Il fatto che anche persone omosessuali vogliano essere partecipi di questa vitale istituzione sociale è la prova che gli ideali conservatori godono di un consenso larghissimo. I conservatori dovrebbero esserne felici, invece che lamentarsene”.
Olson usa l’argomento fondamentale dell’esperienza americana: “Non credo che la nostra società potrà mai essere all’altezza della promessa di uguaglianza e del diritto fondamentale alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità finché non fermeremo un’odiosa discriminazione fondata sull’orientamento sessuale”.

Insomma: un conservatore americano si sta impegnando per cancellare il risultato del referendum Usa dello scorso anno che negò il diritto alle nozze alle coppie omosessuali. Un conservatore, capite?
Intanto sorprende come ormai quasi tutti i paesi europei noti anche per il loro cattolicicesimo sfrenato abbiano approvato nuove leggi in favore dei matrimoni gay: Portogallo, Belgio e Spagna... oltre ai prevedibili Paesi Bassi, Svezia e Norvegia.
Fuori dall'Europa: dal 2006 la cosa è consentita in Sudafrica; in Israele viene riconosciuto il matrimonio gay contratto all'estero (perché lì non vige quello "civile", ergo hanno trovato una scappatoia giuridica); a Città del Messico vengono riconosciuti quelli contratti nell'area metropolitana;
E noi?

ps Ci siamo lasciati trasportare infantilmente (me compreso) dall'onda lunga delle recenti ottime dichiarazioni del "compagno" Fini. Ebbene, una sua perla, la Polverini - candidata alle prossime Regionali del Lazio, lo ha già sconfessato dichiarando il suo futuro aiutare conomicamente solo le coppie etero. Ahi ahi...

Nessun commento: