mercoledì 24 febbraio 2010

l'onorata tolleranza cattolica

L'asilo è pubblico? Ammessi solo bambini cristiani. Polemiche nel Mantovano

Quando leggo queste notizie mi vengono addosso due espressioni facciali uguali e contrarie: di disprezzo e di rassegnata abitudine.
Disprezzo perché abusare dei bambini - perché di abuso psicologico si tratta - è cosa vergognosa, infima, senza etica e moralità di sorta.
Abitudine, perché i cattolici notoriamente nulla hanno a che vedere con la cristianità. In loro la prepotenza, l'arroganza e la tracotanza sono caratteristiche fondanti. E questo evento lombardo ne è l'esempio lineare e lampante.
Poche chiacchiere: la questione è seria, fa parte della nostra storia, e finché non avremo un politico - e una società che voglia seguirlo - capace di sradicare questa gramigna nauseabonda, qui in Italia le cose saranno ferme. Medievalmente ferme.
Che poi il titolista la butti in caciara parlando di "polemiche" dà l'esatta misura di come funzioni l'informazione in questi casi.

Nessun commento: