giovedì 11 febbraio 2010

pubblici (in)dipendenti

"Uno non può governare ed essere attaccato da giudici, che tra l'altro sono pubblici dipendenti pagati con i soldi dei contribuenti, quei contribuenti a cui chi governa deve prestare la massima attenzione". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, parlando di giustizia alla presentazione del libro di Bruno vespa. Secondo il premier "rispondere a un utilizzo politico della giustizia con un utilizzo legittimo e democratico del voto parlamentare, che è l'unica cosa che abbiamo per contrastare chi usa la giustizia a fini di lotta politica, mi sembra una cosa assolutamente doverosa"
(da APCom)

Essendo che anche io sono un dipendente pubblico, si evince nitidamente e pervicacemente che anche la mia persona dovrà votare Berlusconi...

Nessun commento: