giovedì 8 aprile 2010

in attesa di giudizio

Il caso della fanciulla di cui mi sto occupando in questi giorni - quella volata contro un palo e morta cerebralmente ma non fisicamente - sta stallando verso un epilogo in sospensione.
Premetto che se da una parte ho provato a sensibilizzare con le dovute cautele alcuni periodici - ricevendo silenzi o imbarazzo, dall'altra ho scoperto che l'arte del cosiddetto reblog ha fatto sì che partendo dal citarmi di un mio caro lettore la cosa si sia poi propagata in tanti rivoli di reblogging. E il bello è che non ne ho avuto contezza diretta fino a poco fa, quando cioè Blogbabel mi ha segnalato i feeder di ritorno. Un fenomeno, insomma, su cui dovremmo tutti riflettere, perché è uno strumento potenzialmente molto forte, molto forte.
Detto ciò veniamo alla nostra fanciulla. Il primo aggiornamento che sa di pure cinismo riguarda il suo cuore: nonostante lei sia morta (e fa impressione anche e solo scriverlo), il suo cuore continua a battere; anzi, stamane aveva ripreso con maggior vigore le sua ritmica attività, nonostante - lo ricordo - il suo cervello sia... insomma, non ci sia quasi più. Da ignorante mi vien anche da immaginare che la pressione delle flebo possa favorire questa lugubre meccanicità cardiaca.
Il secondo aggiornamento riguarda un ennesimo controllo angiografico cui verrà sottoposta: se dovesse dare gli esiti prevedibili, allora - e forse, e dopo il solito valzer di autorizzazioni lente e burocratiche - allora, dicevo, cominceranno forse a pensare di poter ridurre gradualmente alimentazione e poi forse medicine.
Resta ovviamente l'incognità di cosa stia accadendo dei suoi organi potenzialmente donabili... ma questa è una quisquilia cui frega niente a nessuno.
Continuate a far girare, continuiamo a parlarne: è una porcheria che dovrà pesare sulle coscienze di Rutelli, della Binetti e di tutti i sepolcri imbiancati che decidono delle nostre vite e delle nostre morti, seduti sul divanetto del loro salotto a discettare sul mondo senza però averne coscienza alcuna.

Nessun commento: