martedì 27 aprile 2010

Napolitano sbaglia mira


Una magistratura che non incorra in eccessi di personalismo e di esposizione mediatica, misura e rispetto reciproco tra politica e giustizia. È il tema dell'intervento del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha ricevuto oggi al Quirinale le nuove leve della magistratura italiana, i 298 giovani vincitori dell'ultimo concorso. Con loro il vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Nicola Mancino.


"Deve prevalere in tutto il senso della misura, del rispetto, e infine della comune responsabilità istituzionale", ha detto il Capo dello Stato, "nella consapevolezza di essere chiamati a prestare un servizio efficiente, e garantire un diritto fondamentale ai cittadini". "Rimango convinto che la politica e la
giustizia non possono e non debbono percepirsi come 'mondi ostili guidati dal reciproco sospetto'", ha aggiunto Napolitano.


continua qui

Nessun commento: