venerdì 27 agosto 2010

come la dittatura illuminata debellerà i writers

Per rimediare al merdoso scempio imposto a noi tutti dall'inciviltà dei writers, verrà promulgata una legge che imporrà loro di insozzare solo e solamente le case di chi li definisce "artisti", di chi dice "c'è di peggio" o di chi gioca ai distinguo.
Ovunque, però: dentro e fuori le mura domestiche, i soffitti e i pavimenti, anche i vestiti accuratamente composti nell'armadio, come anche l'auto, lo scooter e l'ufficio, e eventuali seconde case, stanze d'albergo (che poi dovranno poi essere ripulite a spese dei suddetti cialtroni).
Così Roma sarà finalmente pulita e questi difensori ad oltranza avranno forse imparato qualcosa.

Nessun commento: