mercoledì 4 agosto 2010

con Api si vola, con Rutelli si sorvola

Che la politica possa anche passare per Talleyrand mi sta pure bene, e fa parte anche del suo fascino. Ma - appunto - per Talleyrand, non per Rutelli.
Invece qui assistiamo a giochetti che veramente sanno di presa per i fondelli, e molto pure. E in più TRADISCONO - usiamoli certi termini! - il mandato degli elettori.
Sei stato eletto nel PD? Ci resti fino a legislatura finita!
Sei stato eletto anche CONTRO Berlusconi? Voti CONTRO!
Sei stato eletto da un popolo che crede nell'etica? Ebbene, chi non rispetta l'etica va cacciato via, anche a colpi di sfiducia!
Ora, finché i finiani su Caliendo si astengono per lanciare un preciso - e coerente, se vogliamo - segnale politico, mi sta bene e ha anche un suo senso.
Ma che l'Api di Rutelli si astenga per fare cordata con Fini e Casini, mi dà il voltastomaco! E mi danno ancor più il voltastomaco certi intellettuali (o presunti tali) che già si aggiustano la giacchetta per rientrare in eventuali futuri ranghi!

3 commenti:

Aldo Presti ha detto...

Caro Alessandro,
nel marasma generale di questi giorni, ho notato che il PD ha scelto come "parola d'ordine" la seguente frase:"Berlusconi deve andare via".
E' normale che un partito di opposizione chieda che il Presidente del Consiglio lasci il suo incarico, ma personalmente trovo molto sospetto, e non credo sia solo una semplificazione per noi "poveri elettori", che non venga detto "l'intero Governo", ma si circoscriva tutto alla persona del premier, come se il PD avesse in mente un sostituto, che magari è già dentro l'attuale Governo. Il PD dovrebbe proporre un nome (per governi di transizione o governi ai quali si arriva con nuove elezioni) che rappresenti una reale alternativa alla maggioranza attuale, non giocare al ribasso. Chi ha collaborato, chi è o è stato alleato del centro-destra non dovrebbe essere preso in considerazione. Non va dimenticato il passato, nè, peggio, il presente. Un saluto.

AL ha detto...

Pensavo di essere l'unico ad avere idee così idealiste; adesso siamo in due.
Se non altro possiamo farci compagnia bevendo un quarter cask e lumando le pupe.
Grazie del commento (anche se non ti risponderò potrai farne altri, sempre utili e preziosi) e buone vacanze,
Alessandro

Aldo Presti ha detto...

Siamo in tanti, non credere. E' facile parlare / scrivere queste cose, la difficoltà è quando nella nostra vita quotidiana ci troviamo ad operare delle scelte, ed improvvisamente ci accorgiamo di quanto sia difficile essere coerenti (solo un poco, per carità), con quello che pensiamo in astratto, per usare un tuo termine. Allora capiamo quanto sia stato instillato in molti di noi l'opportunismo, la furbizia, il "tanto non faccio male a nessuno" e così via. E allora ci si rende conto che "costoro" non sono poi tanto lontani da noi. Fine dell'autosermone, e buone vacanze a te. Ciao.