martedì 28 settembre 2010

come picchiare la moglie

Il predicatore spiega: ”Allah istituendo la punizione delle bastonate ha voluto rendere un onore e privilegio alle donne. Il Profeta Maometto ha detto – continua Saad Arafat – : ‘non colpitele in faccia e non sfiguratele’. Ecco il modo in cui vanno onorate”. L’importante insomma è che non si veda. “Anche quando la sta colpendo il marito non deve mai insultarla, mai maledirla perché non la batte per farle del male, ma per regalarle disciplina“.
“Mi raccomando non potete mai andar oltre i dieci colpi e non potete nemmeno rompergli le ossa, spaccargli i denti, insultarla o ficcarle le dita negli occhi”, chiarisce il premuroso Arafat. Anche perché “esiste un’etichetta persino per le percosse…Se il marito bastona la moglie per renderla più disciplinata dovrà sempre ricordarsi di non calcar troppo la mano e di colpirla dal petto in giù… queste son le uniche botte che onorano le donne”.
Per quanto riguarda gli strumenti da usare, questo manuale vivente del buon musulmano risponde che la cosa migliore “è colpirla con un corto bastone… i colpi devono arrivare sul corpo e non devono mai arrivare uno di seguito all’altro”. Per educare al meglio la moglie è meglio dunque picchiarla con metodo, lentamente, centellinando uno dopo l’altro i dieci colpi concessi. E ovviamente farlo per una santa ragione come il rifiuto a letto, una sacrosanta occasione per educarla e onorarla.
Roba che uno rimpiange Bossi.

Nessun commento: