giovedì 7 ottobre 2010

lo sfogo di un lettore di MicroMega

O mi ha copiato, oppure ho un fratello gemello.

Cara MicroMega - Lettere alla redazione

“Basta Vaticano!”, lo sfogo di un lettore

Caro Direttore,

Sentendo sulla pelle l'andazzo generale, leggendo i giornali, guardando gli unici due telegiornali che ci rimangono (tg3 e la7), cercando di documentarmi e guardandomi in giro mi sento sempre peggio. E quando sento alti esponenti del Vaticano dire che ci vuole una nuova classe politica cattolica, mi chiedo con che faccia tosta riescano a fare certe affermazioni. Io non riuscirò mai ad abituarmici: Non faceva forse Dell'Utri parte dell'Opus Dei? E Letta, non è un gentiluomo del papa? E quanti altri delle varie cricche sono cresciuti all'ombra del campanile? Del resto, essendo l'Italia una gerontocrazia, tutti quei signori e quelle signore sono stati sfornati da una cultura cattolica. Il mondo, o perlomeno il "Belpaese", non era ancora minacciato dai terribili guerriglieri "laicisti-relativisti".

Se in Italia non c'è una concezione di società, ma di clan, famiglie allargate e "parrocchie" lo si deve proprio alla cultura cattolica, e a descriverlo perfettamente è l’esasperato “Ma quanti cazzo sono questi cognati?!” di Angelo Balducci. L'Italia è un paese cattolico (che non vuol dire cristiano) ed è il paese che ha esportato in tutto il mondo la parola (e non solo) Mafia; l'Italia è un paese cattolico e funziona a suon di clientele e familismi; la cattolica Italia è quella che ha leader politici divorziati, puttanieri, con più famiglie, che organizzano i "Family Day" (in inglese, visto che in un paese di ignoranti come l'Italia se qualcosa è in inglese suona autorevole) con tanto di benedizioni di cardinali e monsignori. E la dottrina cattolica, con il sacramento della "confessione" ha annientato il concetto di responsabilità, per cui c'è sempre qualcuno pronto a perdonarti, qualunque cosa tu faccia. Ci si può rifare una seconda, una terza, una quarta verginità e avanti all'infinito. Così ci ritroviamo i craxiani che qualcuno rincorreva (non benevolo) per le calli di Venezia. E' forse anche per questo che questo disgraziato paese ha una memoria così corta?

Questa è una Chiesa sorda al dialogo con i suoi stessi fedeli, arrogante, che disprezza i laici con termini come "laicismo". E lo sconvolgimento linguistico non è la sola cosa che ha preso dal berlusconismo, ha imparato anche a sostenere che i magistrati sono politicizzati, ideologicamente prevenuti e ostili alla Chiesa, e che contro di essa complottano, quando vengono fuori le porcherie degli abusi sui bambini e gli scandali finanziari. Una Chiesa che, nel bel mezzo della tempesta che la travolge per via degli abusi sessuali che ha perpetrato e occultato non trova nulla di meglio da dire che l’ordinazione al sacerdozio delle donne è un atto gravissimo e che c’è un complotto internazionale di massoni (ovviamente dipende anche dai massoni, alcuni sono amici loro) ed ebrei.

E questa ondata di xenofobia e di razzismo, non sono fomentate da partiti che il Vaticano ha - più o meno direttamente - appoggiato in cambio di DANARO alle proprie scuole e agli insegnati di religione? E in cambio di certe esenzioni di natura fiscale... La Chiesa con lo Ior, l'Opus Dei, cl oramai si è dichiarata una multinazionale della finanza, non molto diversa dalla Goldman & Sachs e dalla Lehman Brothers.
Come ha giustamente scritto Massimo Fini nel suo “La blasfemia del Paese reale”, “L’Osservatore Romano, alias il Vaticano, non solo non ha mai mosso orecchia ma, soprattutto sotto la direzione di Mario Agnes, ma anche dopo, ha attaccato costantemente la Magistratura italiana quando si è permessa di richiamare il Cavaliere e i suoi accoliti a quel rispetto della legge cui tutti siamo tenuti e in particolare chi ricopre alte e altissime cariche pubbliche.”

E ancora, non ha forse Mussolini avuto bisogno della benedizione del Vaticano – che naturalmente non gli è mancata – per salire al potere e poi consolidarlo? E quanti Francisco Franco e quanti dittatoruncoli e carnefici sudamericani sono stati benedetti da sacerdoti e vescovi cattolici?
E noi dovremmo affidarci a questa gente? A gente dell'Opus Dei, che pianifica di infiltrarsi in tutti i gangli vitali della società (media, banche, finanza)? A gente che fa affari con corrotti, corruttori e mafiosi? Penso che abbiamo già dato abbastanza. Ora basta.

Francesco Viaro

(6 ottobre 2010)

Nessun commento: