domenica 19 giugno 2011

è morto clarence clemons

L'ho visto suonare una volta sola, e mi è bastata.
Lui, enorme, pieno di muscoli, pieno di di dita e di dentoni grossi così, smangiucchiava il suo sassofono che gli urlava "Pietà! Pietà! Suonerò tutto quello che vuoi tu... ma abbi pietà!", e tutta la band insieme a lui spostava lo stadio di chilometri al rullo di quelle canzoni così epiche ma concrete, muscolari ma nostalgiche.
Springsteen senza Clemons era come un uomo senza l'anima. E adesso che l'anima se n'è andata, cosa resterà del boss?
So long Clarence, so long.

Nessun commento: