lunedì 31 ottobre 2011

la sinistra che fa male 1 - Renzi

Su Renzi ne ho scritte di cose, e mai positive.
Tra le tante: mai una frase sui diritti dei gay, mai un chiarimento sull’ingerenza vaticana, mai un’opposizione decisa almeno sull’accanimento terapeutico (immagino che sia contrario all’eutanasia come tutti i balocchi fintomodernisti), mai un garantismo che non fosse influenzato da quello peloso dei fighetti… ma, soprattutto, lo ricordiamo per aver detto peste e corna contro il Primo Maggio, e per essere andato a perorare la causa di Firenze alla residenza privata di Berlusconi, anziché a quella istituzionale del Presidente del Consiglio.
E per chi non volesse andarsi a cercare i miei testi, dico più in generale che ha tutte le caratteristiche negative del democristiano navigato…
L’altro giorno ho scoperto che tra i suoi autori testi figurano due personaggi che ho incrociato a suo tempo. Del primo, Riccardo Luna, ne ho già parlato qui; del secondo, Giuliano Da Empoli (figlio dell’economista Antonio, consigliere di Craxi… mai un idraulico-fatto-da-sé che stia nello staff di qualcuno, eh?... mapperfavore), un brevissimo aneddoto.
Nel 1996 scrisse un libricino per la Marsilio (chissà quanta fatica per farselo pubblicare), e quando fu intervistato per presentarlo, vaccontò di avev pavtecipato all’occupazione univevsitavia del 1990. Peccato che nessuno di noi se lo ricordi… e poi, aveva solo 17 anni.

Nessun commento: