martedì 29 novembre 2011

la chiusura di "Mi manda Rai Tre"

Un programma troppo urlato.
Sicuramente troppo prudente in troppe circostanze.
Comunque con ospiti troppo mirati.
Troppi i lavoratori "esterni" nella redazione, pochissimi gli "interni" della Rai.
Conduzione sicuramente motivata, ma troppo urlata, e "targata" in maniera meno esplicita rispetto ad altre megaproduzioni... ma pur sempre "targata".
Un programma di nicchia, ma sfruttato male, come càpita in tutte quelle produzioni a profonda - e sostanzialmente "inutile"- presenza "politica".
Proporzione tra costi e guadagni, 8 a 2.
Oh, scusate, finora ho parlato di "Parla con me", e della Dandini.

Nessun commento: