giovedì 31 maggio 2012

l'improfondità di un grillino #m5s

L'altro giorno, sulla pagina nazionale dedicata ai commenti di un quotidiano di un certo spessore, appare una mail di un grillino. 
Scritta veramente male, e ricca di luoghi comuni, ha indotto il rompiscatole che è in me a tastare il terreno per cercare di capire se ci fosse qualcos'altro oltre la facciata di demagogia e qualunquismo che caratterizza Grillo e i suoi adepti.

Gentile grillino, mi dica una sola cosa sensata di Grillo, una sola. 
Grazie, 
Alessandro

Gliene dico 3: fuori pregiudicati dal Parlamento, 10 anni e poi a casa, basta milioni a giornali che non legge nessuno.

Slogan e frasi ovvie che anche il mio pizzicarolo potrebbe dire con una sintassi meno svogliata. In più la mia richiesta era di altro tenore. 
Rilegga bene: "mi dica una sola cosa sensata di Grillo", non quindi "che Grillo ha detto", perché le cose che dice le conosco e mi fanno molta compassione. 
Voglio leggere: progetti economici di ampio respiro, idee costruttive per rimettere in asse la nostra politica estera, punti concreti per far ripartire la nostra economia, uno statuto di massima per la governance della Rai, una road map che consenta una politica ecologica a tappe intermedie dimodoché non si perdano posti di lavoro... insomma, voglio sapere che idee ha la persona cui demanderei il futuro del mio paese. 
In quanto alla battuta sui giornali è doppiamente divertente: primo, perché lei per dire la sua (con punteggiatura imbarazzante) si è rivolto proprio ad un quotidiano; secondo, perché Grillo schiva le interviste dei mass media italici per farsi bello con quelli stranieri (che sicuramente non avranno la contezza quotidiana delle sue assurde quanto fuorvianti contraddizioni). Comunque: mi aspettavo tanta vacuità. Ma non così tanta. 
Ah, dimenticavo: nelle lettere e nelle mail ci si firma; sempre. 
Buona giornata, 
Alessandro

forse la cosa piu' sensata che propone implicitamente Grillo è levarsi dalle palle il vecchio modo di intendere la politica, levarsi dai coglioni quei e lasciare spazio alla gente comune. Un progetto che prevede che certi atteggiamenti da professori rompi coglioni vengano spazzati via, per lasciare spazio a gente fresca e che pensa alle cose concrete invece che a farsi tante seghe mentali. Come lei.

Ma che eloquenza raffinata ed argomentata! 
Adesso vi voterò sicuramente: tanta concretezza e profondità meritano un premio. 
Stia sereno, 
Alessandro

Nessun commento: