mercoledì 20 marzo 2013

di scittadini, di bananoidi e di #M5S

Che poi ci si ferma, si guarda indietro, e a cose fatte uno pensa: "be', accidenti, quanto sono stato infervorato! Quanto sono stato esagerato!".
Vero, verissimo: e più invecchio, e più sposto verso l'alto l'asticella delle mie indignazioni urlate.
E allora, cerchiamo di ragionare.
Chennesò, togliamo...
  • le dichiarazioni sul Fascismo
  • la storia dei chip sottocutanei
  • le bordate contro i neopresidenti di Camera e Senato
  • il processo contro chi tra loro li ha comunque votati, andando contro i dettami dei capi (non eletti, ricordiamolo)
  • il non aver ancora presentato una proposta di legge che sia una
  • l'aver convocato una conferenza stampa senza aver poi accettato le domande dei giornalisti
  • l'aver dimostrato profonda maleducazione contro una senatrice di un altro partito
  • il partire con un terzo dell'elettorato tra le mani, ma pretendere di avere anche gli altri due terzi delle poltrone di controllo
  • aver eletto due esterni ed estranei come referenti per i mass media (segno che non si fidano dei propri eletti)
  • mandare da Napolitano due non eletti (neanche con primarie)
  • il taroccare dentro il blog di Grillo tutti i commenti contrari alla pseudolinea
Cosa resta finora del Movimento5Stelle?
Così, per sapere...


Nessun commento: