lunedì 20 maggio 2013

il mio sindaco per Roma

Bisogna votare qui a Roma, facendo finta di avere le idee chiare.
Del resto, è l'occasione per vedere se il PD affonda - grazie anche alle immorali scorrettezze di Renzi - oppure se sopravvive.
Nel frattempo cosa fare?
Dunque, i grillini hanno dimostrato che sono fatti di nulla. Lo hanno dimostrato alle persone intelligenti - ovviamente, superando di gran lunga certe visioni scioccopopolane tipiche di Orwell, Heinlein, Asimov, Camus e Saramago. Che però a Roma Grillo possa fare tanto, è possibile: specie tenendo conto che le nostre borgate fanno veramente schifo e sono state dimenticate dai tempi di Rutelli; figuriamoci quanto poi da Veltroni e Alemanno.
La Destra è impresentabile: Roma accetta l'esistenza di gruppi extraparlamentari di estrema destra che farebbero impallidire persino Hitler. Però è una destra radicata e forte.
I berlusconidi confermano Alemanno/Aledanno, che è riuscito a fare peggio di RutelVeltroni. Giuro: ci voleva un genio per arrivare al peggio, e Alemanno/Aledanno c'è riuscito. Almeno facciamogli i complimenti, questo sì.
Il PD presenta Marino. L'unico cervello italiano fuggito al contrario. E poi: un programma evanescente, slogan privi di senso, una totale mancanza di prospettiva, una campagna fumosa, un partito che spera nella sua sconfitta, la malavita che non lo teme... insomma, Marino rischia di arrivare al ballottaggio senza nessuna vittoria possibile, nonostante i sondaggi dicano il contrario.
Io ho preso il coraggio di trovare un compromesso dentro di me, il voto disgiunto: PD come partito e Marchini come sindaco. 
Chi taccia "Arfio" di destrismo (e di accordi sottobanco con i berlusconidi), dov'era quando Renzi sbrindellava il PD o sbomballava i coglioni col suo technofascismo?
E perché chi attacca "Arfio" dimentica che i Marchini finanziarono il PCI decine di volte (salvando il culo anche all'Unità)?
Soldi dimenticati? Soldi sporchi? E quelli che Renzi prende adesso dalla Mondadori di Berlusconi "cosa" sono?!? Come al solito, la sinistra sbandiera le sue due palle: però non le usa mai insieme... 
Insomma, io voglio un PD vivo, di sinistra, non renziano e che combatta il romano medio. Ma non posso sprecare le mie energie per una frittella d'acqua cheta.
Ergo, mantengo la mia fede politica ma voglio un allenatore serio.

Nessun commento: