giovedì 29 agosto 2013

Michele Serra mi ha spiegato perché Facci ha potuto scrivere un tweet razzista

Caro Michele,
buono il tuo pezzo sui politicamente scorretti che insultano la Kyenge.
Eppure, nessun giornalista ha mai denunciato - o perlomeno stigmatizzato - il tweet di Facci che all'indomani del caso Calderoli sentenziò: "in effetti ci somiglia un po', a un orango".
Tweet che il tipo poi rafforzò con un orribile pezzo autoindulgente su ilPost di Sofri figlio, il quale non ha mai preso le distanze da tutta la porcata.
Più volte ne ho chiesto conto ai vari giornalisti che mi capita di incrociare più meno privatamente, e ho sempre ricevuto come risposta un'alzata di spalle. Del resto, neanche tu ne fai menzione.
Corporazione o menefreghismo?
Alessandro



Caro Loppi, 
la verità è probabilmente molto più banale: le cose orribili da denunciare sono oramai talmente tante che mancano il tempo e la voglia di denunciarle tutte. 
Facci è intelligente (dei commentatori di destra, il meno ovvio) ma spesso crede di rendersi interessante con questi mezzucci. 
Dirò a Luca Sofri che deve sgridarlo. 
La smania di essere sempre bipartisan a volte gioca brutti scherzi.
Grazie della sua lettera
Michele Serra

Nessun commento: