martedì 12 aprile 2016

le possibilità di Herbie Hancock

Le autobiografie sono oggetti deliziosi, divertenti, spesso intriganti; però corrono il rischio di non essere credibili. 
Troppo facile suonarsela con disinvoltura, senza che uno spirito critico o almeno competente sappia rintuzzare imprecisioni o vanità.
Però Herbie Hancock è così simpatico, empatico e umilmente geniale, che non mi sono minimamente preoccupato di verificare nulla delle storie contenute nella sua pregevole autobiografia.
In questo suo libro, insomma, si ha la conferma esatta del suo pianismo: sempre attento alle novità, mai ripetitivo, con una cifra e uno stile duttili ma non furbi, che tendono spontaneamente a mettersi costantemente in discussione.
E stiamo parlando di un pianista che ha anche intrapreso strade ipercommerciali, mettendo in difficoltà anche i più tolleranti tra i suoi estimatori.
Eppure, e alla fine, da Herbie Hancock accetti qualunque cosa. 
Sicuramente, non è un libro storico, né tantomeno tecnico; in più, c'è un apparente tentativo di riappacificazione con chiunque abbia collaborato con lui (il mondo del jazz, si sa, vive anche di conflitti). 
Però, e alla fine, è un libro che merita di essere acquistato.

Nessun commento: