giovedì 17 luglio 2008

presunzione

Ere fa, era il 1990, stavo ad una festa di laurea di un tipo. In realtà ero stato trasportato là da mia cugina. Era un figlio di il cui padre gli aveva letteralmente comprato la laurea in una di queste università private che solo da poco si è sganciata da certe logiche... o almeno sembra.
Era tutto così finto che mi lasciai andare al peggiore dei miei comportamenti: pontificare.
Mi misi a capotavola e sparai una serie infinita di cazzate, cui tutti rispondevano con risate sguaiate e approvazioni di ogni foggia.
Poi al momento giusto mi feci serio e raccontai come Montale fosse stato anche autore di testi porno. Dice "Montale"? Be', mi ero letteralmente sbagliato: alludevo a certi testi pruriginosi di Moravia. Ma per tutta la prolusione io parlai di Montale. In mente Moravia, la voce diceva Montale.
Il bello è che nessuno se ne accorse, perché nessuno aveva mai letto né l'uno né l'altro. Anzi, credo che nessuno avesse mai letto qualcosa.
Recentemente mi son comprato un cofanetto del monumentale John McLaughlin, chitarrista bello come il sole e bravo più di dio. Contiene Shakti, A Handful Of Beauty, Natural Elements, Electric Guitarist e Electric Dreams.
Ieri mattina ho iniziato ad assaggiarlo, partendo dal penultimo. Per capire cosa stessi ascoltando, ho dato un'occhiata ai titoli, agli ospiti e cose del genere. Il secondo solco è dedicato a Miles Davis. Mi son messo là ad ascoltarlo, e mi son detto "accidenti, McLaughlin ha capito tutto: si sente il respiro del grandissimo Miles".
In un altro pezzo suonava Chick Corea: "accidenti, come si sente il Corea dei Return To Forever".

Poi mi chiama mia moglie. Accosto per rispondere (incidentalmente sulla bellissima vista del Pincio) e chiacchierando con lei do un'occhiata alle copertine: i titoli segnati sul cofanetto non corrispondono a quelle segnati sulle singole copertine. Il brano non era dedicato a Miles Davis, e nell'altro non suonava Chick Corea...


, , , , , , , , , , , ,

Nessun commento: